• alla villa napoleonica di S. Martino, che fu la sua residenza estiva;
  • alla pinacoteca Foresiana, un lungo edificio neoclassico che ospita numerosi dipinti dal ‘500 all’800, specie di artisti toscani dell’800, e la famosa Galatea attribuita al Canova;
  • passando vicino alle Terme S. Giovanni, che sfruttano fanghi marini, sul luogo di vecchie saline, e l’acqua madre per la cura, a mezzo di fanghi, bagni e inalazioni, delle malattie reumatiche, della pelle e delle affezioni respiratorie, si giunge in un località, Le Grotte, dove vi sono notevoli resti di una villa Romana di epoca imperiale.