A parte le gite in barca, favolosi sono gli itinerari subacquei, illustrati qui di seguito.
La Grotta dei Gamberi: nell’ampia baia di Filicudi, procedendo verso Capo Graziano, dove è evidente la linea bianca tracciata sulle rocce oltre la quale si entra nell’area archeologica che è assolutamente proibita per il diving, immergendosi e nuotando perpendicolarmente alla costa, dopo pochi metri si arriva sul bordo. L’atmosfera è spettacolare, dominata da uno scoglio verticale che scende verso il fondo. Spesso larghi varchi si aprono nella roccia, tramite i quali si va giù in maniera ripida generando precipizi da spezzare il fiato. Ora a 40 metri è consigliabile continuare a nuotare verso Capo Graziano dove, ad un certo punto, noterete che il muro roccioso svolterà marcatamente verso destra, mantenendo questo sentiero per alcuni metri, prima di tornare nella direzione originale. Immediatamente dopo questa deviazione una lunga profondità, sviluppata verticalmente, si apre nella roccia: eccovi giunti nella “Grotta de Gamberi”.
Escursione notturna: il punto di partenza è la punta estrema a nord-ovest della baia, esattamente all’opposto di Capo Graziano. Dal molo potete superare a piedi la spiaggia opposta al Phoenicusa Hotel, fino ad arrivare sotto l’insegna del diving club appartenente all’hotel. Immergendosi proprio lì e, andando giù lungo…., nuotate nella direzione di Capo Graziano, seguendo la profondità sulla destra. Arrivando a circa 20 metri rimarrete attoniti dall’incredibile quantità di “Alicia mirabilis” ().